Mbt Shoes In Edinburgh

Ha sperimentato su se stesso i benefici di una camminata a piedi nudi su una superficie naturale e morbida come la sabbia. Il risultato? Una suola in grado di ricreare una condizione d’instabilità naturale anche passeggiando sull’asfalto. Noi della Mbt non crediamo nelle scarpe dichiarano secchi dall’azienda ma in quelle calzature che garantiscono effetti positivi in tutto il corpo.

Tante promesse e un mercato miliardario come questo, ovviamente, generano curiosità e dubbi. Come quelli che hanno spinto l’American Council on Exercise, una Ong statunitense che ha tra i suoi obiettivi l’educazione al fitness, a commissionare una delle poche ricerche indipendenti in questo settore. Alla Università del Wisconsin è stata chiesta una valutazione sulle scarpe di grandi griffe, tra cui Mbt e Reebok.

Vediamo cadere polli e cigni e comincia il sacco delle farmacie, spogliate di antivirali completamente inutili e potenzialmente micidiali, nel caso il popolarissimo H5Nl imparasse a comunicare con gli umani. Mentre un bambino americano vede in media alla tv 90mila spot all per porcherie alimentari gonfie di additivi chimici (il Puer chimicus crescer in Homo chimicus), sua madre e suo padre, si sciropperanno 160mila “commercials” per medicinali da banco o da ricetta, che li angosceranno prima con l delle loro attuali o potenziali patologie a con sussiegose e ansiogene trasmissioni di argomento medico, sussidiate poi da terrificanti ricerche sul computer a banda larga. Non meraviglia se poi stenteranno a prendere sonno alla sera e i loro medici dovranno firmare 43 milioni di ricette per sonniferi vari, all Marketing e passaparola Dovel del marketing non arriva, interviene il passaparola, il tam tam della signora dal parrucchiere, dell allo stadio, della medicina alternativa o immaginaria, che un diffonde come un incendio il culto della melatonina, miracoloso ormone estratto dalle surrenali dei porci che regola il termostato del metabolismo diurno e notturno umano, dei medicinali ayurvedici venuti dall favolosa, dell dell che sta minacciando di estinzione rare piante selvatiche mietute ferocemente per assecondare la stessa dipendenza chimica di chi va in farmacia, perch per essere efficace un fiore deve contenere principi attivi, dunque potenziali effetti secondari, oltre l psicologico del “placebo” ,la pillola di zucchero.

Due plotoni di T 34/57 (ottimi carri IMHO), 2 KV 1c (li abbiamo limitati come spesa), 1 plotone di T 34/76 della Guardia, 2 SU 76p (quelli che costano uno sputo ). Il mio intento è quello di sforacchiare Qwerty sulla distanza confidando nelle prove che ho fatto: a + di 17 esagoni i tedeschi non dovrebbero penetrare nemmeno i T 34, a meno di non usare i semoventi da 88mm. I temibili SABOT tedeschi entrano in azione solo intorno agli 11 esagoni.

Lascia un commento