Pla Ztz 99 Mbt

Il caso è quello di Ehud Goldshmidt, detto “Udi”. Israeliano con passaporto tedesco, residente a Lecco, Goldshmidt è stato citato dall’antimafia di Reggio Calabria in un’indagine sul senatore Antonio Caridi, accusato di far parte dell’associazione calabrese. Che c’entra Goldsmith con la ‘ndrangheta? C’entra, in teoria, perché secondo i magistrati italiani che l’hanno indagato, l’israeliano è a completa disposizione del clan Raso Gullace, una delle più note e pericolose famiglie di ‘ndrangheta, radicata nell’area della piana di Gioia Tauro, a pochi chilometri dal porto in cui arriva buona parte della cocaina destinata all’Europa.

We are delighted to have found an industrial partner with significant expertise in both maritime sensor and robotics technology. We look forward to a long term relationship with Kraken and will help them continue to develop advanced robotic technologies that can be commercialized in world class products.” Dr. Jakob Schwendner, Managing Director of Kraken Robotik GmbH in Bremen said, “We look forward to furthering our relationship with Fraunhofer.

Ma, soprattutto la presenza del designer italiano si farà decisamente sentire. Oltre alla collaborazione con GoreTex sono infatti pronti al debutto modelli decisamente alla moda: per la donna uno stivale nero allacciato con fibbia o la scarpa allacciata in pelle e nabuk, per l’uomo un’elegante scarpa adatta ai completi grigi e vari modelli sportivi e casual in pelle e nabuk. E non è tutto..

La forma arrotondata garantisce una rullata naturale e fluida, pur trovandosi dinanzi a una scarpa molto strutturata e rigida. Se pensate che assomiglino alle Hoka, che oggi fanno il mercato del Maxi, vi sbagliate. Perch in MBT la forma Rocker pi accentuata sia nell che nel posteriore e il mesopiede pi ampio.

Ero presuntuoso, non mi rendevo conto di chi avevo di fronte. Qualche anno più tardi sono andato via da Parma perché volevo giocare, perché non mi andava la panchina: sembravo non far caso al fatto che fossi in Serie A, in un club in grande crescita. Anzi, non ci feci proprio caso.

Definito in patria come più potente carro armato del pianeta (utilizzato anche lo slogan combattere su Marte in riferimento ai nuovi supercondensatori per l a freddo del motore diesel a meno 50 gradi), è un MBT da 48/50 tonnellate (Abrams e Challenger II ne pesano circa settanta) propulso da un motore diesel a dodici cilindri da 1500 cavalli che gli conferisce una velocità massima di 90 km/h con autonomia di 500 km. Le linee pulite del nuovo carro armato rappresentano il principale cambiamento rispetto alla tradizione russa. La caratteristica fondamentale del nuovo MBT è la torretta totalmente automatizzata e digitalizzata.

Lascia un commento